Il diritto alla vita per i gatti malati di Felv

1131 volte

Sfogliamo ogni giorno i normali giornali cartacei o i magazine online, e le notizie che riguardano gli animali sono sempre più numerose e spesso ci riportano di fatti raccapriccianti, maltrattamenti o peggio, notizie che noi che amiamo e rispettiamo gli animali non vorremmo mai leggere. Ma come in tutte le cose della vita c'è per fortuna un risvolto positivo, fulgido di amore profondo per la vita, e per quegli esseri meravigliosi che sanno dare moltissimo. Qui vi raccontiamo di una bella storia di gatti, cosi ricca di buone intenzioni che pare quasi una fiaba, invece è una storia vera.

 

Una storia di sacrifici fatti con il cuore da Maria Torero, un infermiera peruviana che durante le ore di lavoro si prende cura amorevolmente di malati umani e poi a casa continua la sua opera con dedizione, ma per un numeroso gruppo di gatti. Maria è la fautrice di un progetto meraviglioso che si chiama "La Casita Gatuna" una casa di riposo per gatti malati di Felv, la leucemia felina, spesso questi gatti vengono abbandonati; sono malati terminali che in seguito anche se ricoverati nei gattili nessuno vuole adottare. Maria ha pensato a loro, ai loro bisogni, alla sofferenza, alla malinconia dell'abbandono o alla precarietà del randagismo e ha creato per loro una casa.

 

Una casa dove sono una grande famiglia accomunata dalla disgrazia di una malattia che non perdona ma anche da un amore infinito che li lega come un sottile ma fortissimo filo d'argento; un amore che rende capace Maria di occuparsi di 175 gatti a cui da cibo, medicine, cure, un tetto e tanto affetto, molti di loro soffrono anche di altre malattie e questa donna fortissima fa fronte a tutto con l'aiuto dei tre figli e delle donazioni. I gatti di Maria sono sereni, sonnecchiano e mangiano, circondati dal calore di un ambiente pensato per loro, deliziosi nelle tutine che indossano, tutte differenti, perchè ognuno di loro ha la sua personalità.

 

Maria vuole che i suoi gatti vivano felici tutti i giorni che gli restano, e allevia ogni loro disturbo con pillole, iniezioni e coccole, regala a piene mani una migliore qualità della vita a questi gatti sfortunati in attesa che volino sul ponte dell'arcobaleno. Maria ci racconta che ha iniziato a soccorrere gli animali quando ha visto la cattiveria della gente al mercato, gente arida che li cacciava via lanciandogli acqua calda o candeggina: “Ho cominciato quando ha visto al mercato i venditori lanciare candeggina o acqua bollente sui gatti, trattarli come se fossero spazzatura. Non si fermavano a pensare che un animale ha sentimenti. Che soffre e prova dolore, freddo e fame, come noi”. Tra le tante pagine che parlano di Maria Torero troviamo anche un bel servizio fotografico dove sono ritratti i gatti di Maria, dolcissimi e paciosi, colorati nei loro simpatici golfini, foto che testimoniano che c'è ancora qualcuno che da valore alla vita ...anche a quella di un gatto malato di Felv. Grazie Maria.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.