I gatti riconoscono la nostra voce, ma ci ignorano di proposito

2259 volte

Ottime notizie dal fronte felino. Uno studio ha dimostrato che i gatti sono in grado di ascoltare e di comprendere quello che gli diciamo. Purtroppo, però, non sempre gli interessa.

I gatti sono animali indipendenti, fieri ed orgogliosi, è un dato di fatto. Questi aspetti del loro carattere sono particolarmente apprezzati dai “gattofili” e meno dagli amanti dei cani.

Da questo punto di vista, infatti, cani e gatti sono davvero molto diversi.

Il cane dimostra ogni emozione o pensiero in maniera evidente, facendo le feste al proprietario quando torna a casa dopo una giornata di lavoro, restandogli accanto quando è a tavola, sul divano, nel letto e talvolta anche in bagno, e accorrendo non appena viene pronunciato il suo nome.

Il gatto, invece, tende ad essere meno “servizievole” nei confronti del proprietario. Naturalmente non tutti i casi sono uguali, per cui potremo trovare dei felini che si comportano in modo molto simile al cane, e viceversa. In linea generale, però, il gatto per gran parte del tempo tende a sonnecchiare in qualche angolo nascosto della casa, senza disperarsi se il proprietario sta uscendo per andare a lavoro.

Domanda per i proprietari di gatti: quanti di noi chiamando Fuffi a gran voce, lo vedono accorrere velocemente nella nostra direzione?gatto ignora non ascolta

Le mani alzate saranno sicuramente ben poche.

Questo, infatti, è proprio un aspetto tipico del gatto. I felini sembrano incapaci di ascoltare e comprendere quello che gli diciamo, per cui assumono perennemente la loro caratteristica espressione di disinteresse.

In realtà, secondo uno studio condotto presso l’Università di Tokyo, pubblicato sulla rivista Animal Cognition, i gatti sarebbero perfettamente in grado di capire quello che vogliamo comunicare, ma nella maggior parte dei casi ci ignorano perché proprio non gli interessa.

La ricerca è stata effettuata analizzando le reazioni ed il comportamento di 20 gatti per 8 minuti al giorno. Durante questo periodo di tempo, ad ognuno di essi veniva fatta ascoltare una registrazione audio contenente la voce di tre persone sconosciute e del proprietario.

Ascoltando la registrazione, i gatti reagivano voltando la testa, muovendo le orecchie e la coda o dilatando le pupille. Solo il 10% dei felini esaminati, però, rispondevano con un miagolio. Questi atteggiamenti erano molto più intensi quando udivano il richiamo da parte del proprietario.

I risultati del test parlano chiaro: i gatti sono in grado di distinguere la voce del proprietario, ma pochi rispondono al richiamo.

Secondo i ricercatori, probabilmente questo importante aspetto potrebbe essere spiegato attraverso l’ipotesi dell’addomesticamento. I cani, infatti, sin dall’antichità, vivevano insieme al proprietario, per poterlo seguire durante le battute di caccia o per guidare il gregge. Pertanto, saper rispondere al richiamo era un fattore indispensabile.

I gatti, invece, si sarebbero addomesticati solo molti anni dopo e praticamente in completa autonomia, secondo le proprie esigenze e la propria personalità. Di conseguenza, per i felini il richiamo non ha mai assunto un ruolo così importante nel rapporto con l’uomo, per cui lo utilizzerebbero solo quando lo ritengono opportuno.

Ecco il motivo per cui è così difficile insegnare al proprio gatto ad accorrere verso di noi quando lo chiamiamo, a meno che non lo tentiamo con del cibo o delle carezze.

In conclusione, se vogliamo che il nostro gatto ci rivolga la “parola”, dobbiamo cercare di mostrarci più interessanti ai suoi occhi.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.