Il bagno al gatto: è proprio vero che fa male e come si fa?

Una delle credenze più diffuse è quella secondo cui fare il bagno al gatto non solo non è necessario, ma fa anche male alla salute del micio. Cerchiamo di capire se in questa affermazione ci sia un fondo di verità o se si tratta solo dell’ennesimo luogo comune riguardante i gatti e come si fa il bagno al gatto.

“I gatti odiano l’acqua”

Fare di tutta l’erba un fascio non sempre porta a grandi verità. È vero che la maggior parte dei gatti non sopporta assolutamente il contatto con l’acqua.

 

Allo stesso tempo, però, è anche vero che quasi tutti i gatti, una volta scoperto il piacere indescrivibile del bere dal rubinetto, pur di non farne a meno accetteranno di bagnarsi le zampe. Sono rari invece i gatti che trovano altrettanto piacevole il fatto di essere immersi in una vasca piena d’acqua.

gatto non vuole farsi fare il bagno

 

Il rapporto dei felini con l’acqua non è poi così controverso. In sostanza, qualche goccia o un filo d’acqua dal rubinetto possono essere piacevoli, ma il ritrovarsi con il corpo totalmente a contatto con l’acqua nella maggior parte dei casi non lo è affatto.

Esistono comunque delle eccezioni, come per tutti gli aspetti della vita dei nostri animali. Alcuni gatti, infatti, trovano persino divertente il fatto di “zampettare” nelle pozzanghere dopo la pioggia e altri che invece impazziscono per il bagnetto.

“Il bagno al gatto fa male”

Falso. Questa è una vera e propria leggenda metropolitana. È chiaro che se dopo averlo lavato lasciate che vada in giro per la casa o per il giardino senza prima asciugarlo, potrebbe avere qualche problema respiratorio tipo raffreddore. Per questo basta fare in modo che si sia perfettamente asciugato prima di “liberarlo”.

Probabilmente il bagno al gatto può far male solo a voi, dato che nella maggior parte dei casi quando viene immerso nell’acqua, il dolce Fuffi si trasforma in Terminator.

“Ai gatti non serve fare il bagnetto”

Questa affermazione è vera e falsa allo stesso tempo.

gatto fa il bagno spaventatoI gatti sono tra gli animali più puliti esistenti in natura. La loro lingua ruvida, ricca di sostanze pulenti e disinfettanti, è in grado di rimuovere tutto lo sporco e le impurità dal pelo. Inoltre i gatti trascorrono gran parte della loro giornata dedicandosi alla toelettatura.

Prima del riposino, appena svegli, dopo aver mangiato, quando qualcuno osa sporcarli accarezzandoli. Tutte le situazioni sono buone per dedicarsi alla pulizia del mantello. È molto più frequente che dopo mangiato il cane resti con il muso completamente sporco di pasta al sugo, piuttosto che trovare anche una microscopica briciola sui baffi del gatto.

È anche vero, però, che ci possono essere alcune situazioni in cui il gatto, nonostante gli sforzi, proprio non riesce a pulirsi perfettamente da solo. Per questo in alcuni casi può essere necessario dover lavare il proprio gatto, come:

  • Gatti disabili o paralizzati;

  • Il proprietario è allergico al gatto;

  • Problemi dermatologici con forfora e prurito;

  • Come supporto per i trattamenti contro i parassiti;

  • Presenza di sostanze tossiche o difficili da rimuovere sul mantello.

Come si fa il bagno al gatto

Chiariamo un aspetto. Se il gatto proprio non accetta in alcun modo il contatto con l’acqua, non ci sarà verso per convincerlo all’idea del bagnetto. In questi casi dovrete rivolgervi ad un toelettatore esperto oppure potrete provare a pulirlo con delle salviettine umidificate o degli specifici shampo a secco.

Un altro aspetto molto importante è che più anni ha il gatto, più difficile sarà abituarlo alle operazioni di lavaggio. Per questo motivo, se avete appena adottato un gattino, iniziate a fargli prendere confidenza con l’acqua già da piccoli. Di solito si sconsiglia di fare il bagno ai gattini molto piccoli. L’ideale sarebbe aspettare almeno di aver eseguito le prime vaccinazioni.bagno al gatto

Detto ciò, vediamo qual è l’occorrente necessario per fare il bagno al gatto:

  • Bacinella

  • Doccino

  • Shampoo specifico per gatti

  • Asciugamano abbastanza grande

  • Pettine per gatti

  • Phon

  • Eventualmente il trasportino

Passiamo alle operazioni da effettuare per lavare correttamente il proprio gatto:

  1. Abbigliamento: soprattutto se il gatto è adulto o se sono le prime volte, indossate indumenti in grado di coprire le braccia, per essere protetti dagli artigli del vostro gatto. Se lo ritenete opportuno, potreste anche mettervi dei guanti imbottiti ed impermeabili;

  2. Pettinate il gatto, soprattutto se ha il pelo lungo, per rimuovere eventuali nodi;

  3. Riempite la bacinella con massimo 10-15 centimetri di acqua tiepida, a seconda dell’età e delle dimensioni del vostro gatto. Calcolate la quantità di acqua necessaria in modo che solo le zampe siano immerse e non tutto il resto del corpo;

  4. Assicuratevi di avere già tutto l’occorrente a portata di mano;

  5. Prendete con calma il gatto ed immergetelo lentamente nella bacinella. Fatevi aiutare da qualcuno che possa tenerlo fermo mentre voi lo lavate o viceversa;

  6. Inumidite il pelo del gatto, evitando la testa, le orecchie ed il muso. Quindi applicate una piccola quantità di shampo e massaggiate delicatamente. È molto importante che lo shampo sia specifico per gatti, perché quelli per uso umano possono danneggiare la cute ed il pelo del micio;gatto si fa asciugare

  7. Sciacquate lentamente utilizzando un doccino con il getto molto basso e debole. Fate molta attenzione a non bagnare le orecchie ed il viso;

  8. Avvolgete il gatto nell’asciugamano e strofinate delicatamente per rimuovere l’eccesso di umidità;

  9. Asciugate il gatto con il phon regolato con aria tiepida e al minimo. In alternativa potreste posizionare il gatto vicino ad una stufetta ad aria calda. Se il gatto si spaventa per il rumore, mettetelo nel trasportino e direzionate il getto d’aria calda al suo interno, senza esagerare né con la potenza né con il calore;

  10. Una volta che il vostro gatto sarà perfettamente asciutto, potrete liberarlo. Premiatelo con del cibo e non preoccupatevi se corre a nascondersi nel posto più inaccessibile della casa.

Il bagno al gatto non è un’operazione estremamente difficile da fare, a patto che il vostro gatto non rifiuti categoricamente il contatto con l’acqua. Quello che vi occorre non è uno scafandro da apicoltore o un kit di sedazione, ma solo un po’ di pazienza e qualche accorgimento in più.

Vota questo articolo
(4 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.