I comandi per il cane: “seduto” e “terra”

L’educazione del cane da parte dei proprietari spesso comincia proprio da questi comandi, considerati la base per ottenere l’attenzione del proprio amico. Vediamo insieme come insegnare al cane i comandi “seduto” e “terra”.

A cosa servono

Se il comando “seduto” è considerato uno dei più importanti, un motivo sicuramente ci sarà.

È solo quando il cane si siede su nostra richiesta, infatti, che possiamo essere certi di avere tutta la sua attenzione. Quando un cane è troppo esuberante, si sta scatenando nel gioco o è troppo distratto dall’ambiente circostante, la prima cosa che dobbiamo fare per ridimensionare le sue energie o le sue ansie è proprio quella di chiedergli di stare seduto.

Solo una volta che il cane avrà imparato a sedersi ogni volta che glielo chiediamo, sarà possibile procedere con l’insegnamento di tutti gli altri comandi.

Per quanto riguarda il comando “terra”, invece, si tratta più che altro di una variante opzionale, non necessaria per il cane, ma che può risultare indispensabile per insegnargli un altro comando, il “rotola”.

Il comando “seduto”

Questo comando andrebbe insegnato a tutti i cani, sia da cuccioli che da adulti.

Per riuscirci, è necessario applicare il principio del rinforzo positivo. Quando il cane fa qualcosa che gli chiediamo o si comporta bene, dobbiamo premiarlo con complimenti, coccole o snack.

Al contrario, punendolo se non ci ascolta o se fa qualcosa di inappropriato, susciteremo nel cane delle emozioni negative, senza mostrargli invece cosa cerchiamo da lui.

Per riuscire ad insegnare al cane il comando “seduto”, dobbiamo procurarci degli snack o dei biscottini per cani, specifici per l’addestramento. Sono meno calorici e più appetibili rispetto alle normali crocchette, per cui il cane sarà particolarmente stimolato ad ascoltarci pur di ottenere lo snack.

In alternativa, possiamo anche utilizzare un gioco, magari uno dei suoi preferiti, anche se per i cuccioli o per le prime fasi dell’addestramento potrebbe non essere altrettanto stimolante quanto il cibo.

Vediamo quali sono i passaggi per insegnare al cane il comando “seduto”:cane comando seduto 1 2

  1. Posizioniamoci in un posto isolato, ad esempio in una stanza della nostra casa lontana dai rumori e da altre persone, almeno per il primo periodo. Cerchiamo di attirare l’attenzione del nostro cane facendogli capire che abbiamo uno snack per lui;

  2. Mettiamo lo snack davanti al muso del cane, spostandolo lentamente in alto e verso la sua nuca. Il cane cercherà di seguire il movimento della nostra mano, portando la testa all’indietro e di conseguenza si metterà seduto per non perdere l’equilibrio;cane comando seduto 3 4

  3. Una volta che il suo sedere poggia sul pavimento, concediamogli lo snack;
  4.  

    Ripetiamo finché non riuscirà a sedersi correttamente.

Ripetiamo diverse volte lo stesso procedimento. Per le prime volte può essere sufficiente anche premiare il cane se si siede per pochi istanti. Non possiamo pretendere già da subito che resti fermo come una statua, soprattutto se si tratta di un cucciolo.

A questo punto possiamo introdurre il comando vocale “seduto”.

Ogni volta che posizioniamo la mano davanti al suo muso, diciamo in modo chiaro la parola “seduto”, e ripetiamo il movimento della mano al di sopra della testa del cane, premiandolo quando si siede.

Solo una volta che avrà associato il comando vocale all’azione di sedersi, potremo iniziare a fare dei tentativi senza snack. Il procedimento è sempre lo stesso, solo che invece del cibo, dovremo utilizzare i complimenti per premiarlo. Diciamogli un bel “bravo!” ogni volta che esegue il comando.

Un consiglio importante è quello di non rinforzare positivamente delle azioni che vanno al di fuori del sedersi. Non siate permissivi. Se il cane dovesse sollevarsi su due zampe o dovesse aggrapparsi alla vostra mano pur di ottenere lo snack, allontanate immediatamente la mano, rimettevi bene in piedi, quindi ricominciate una volta che si sarà calmato.

Il comando “terra”

Questo comando non è indispensabile, ma può servire per iniziare ad imparare il comando “rotola”.

Si parte sempre dal comando “seduto”. Una volta che il cane sarà seduto composto e avrete la sua piena attenzione, potrete procedere:cane comando terra 1 e 2

  1. Tenete uno snack tra pollice e indice. Mostrate al cane quale sarà la sua ricompensa avvicinandolo al suo muso;

  2. Lentamente, fate scendere la mano piano piano verso il basso;cane comando terra 3 4

  3. Continuate a far scendere la mano con lo snack fino a raggiungere il pavimento, quindi avvicinatelo al vostro corpo;
  4. Il cane dovrebbe stendersi per raggiungere lo snack.

Questo procedimento non è mai semplice, perché il cane tenderà nella maggior parte dei casi a rimettersi in piedi e ad avanzare con tutto il corpo per raggiungere il suo premio.

Per questo, ogni volta che non resta seduto, dovrete ricominciare dal comando “seduto”, premiandolo solo nel momento in cui si stenderà.

Proseguite quindi con il comando vocale. Quando mostrate al cane lo snack, dite “terra” e procedete con il movimento della mano verso il basso e poi verso di voi.

Quando il cane avrà ben chiaro questo passaggio, potrete provarci senza utilizzare uno snack come ricompensa, ma complimentandovi con lui se ci è riuscito.

Per agevolare il riconoscimento del comando vocale, cercate di utilizzare un gesto semplice da comprendere. Ad esempio, potreste tenere la vostra mano aperta, parallela al pavimento, spostandola verso il basso mentre dite “terra”.

Oppure, potreste indicare il pavimento con il vostro indice.

Vi serviranno diversi tentativi prima che il cane inizi davvero a stendersi, ma quello che vi occorre è una buona dose di pazienza e diverse confezioni di snack.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: Come vedono i cani e i gatti? »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.