Cappottino per il cane: si o no?

Con l’arrivo dell’autunno i proprietari più fashion si sbizzarriscono alla ricerca del cappottino più cool per il proprio cane, impazienti di agghindarlo nei modi più impensabili, che molto spesso fanno rabbrividire i cultori dei diritti degli animali. A prescindere da qualunque discorso etico su fiocchettini, strass e merletti addosso al cane, cerchiamo di capire quali siano i pro e i contro di maglioncini, cappottini e impermeabili per cani (e per gatti).

È davvero utile?

Partiamo da un presupposto fondamentale. I cani e i gatti di oggi non hanno le stesse caratteristiche fisiche, comportamentali e attitudinali di quelli di molti anni fa. La “funzione” del cane anticamente era quella di seguire il proprietario nelle battute di caccia, con il grande privilegio di potersi nutrire degli avanzi all’interno dell’abitazione. Il gatto probabilmente se la passava peggio, non ricevendo nessun pasto dal proprietario, in modo da essere più invogliato a cacciare le piccole prede infestanti per il raccolto, primi fra tutti i topi, all’aperto.

Oggi molti di noi inorridiscono al pensiero di un gatto costretto a vivere in questo modo, al freddo e al gelo anche durante l’inverno. In realtà la natura, che pensa davvero a tutto, ha fornito cani e gatti di molti strumenti per proteggersi dal freddo, partendo proprio da quel bel mantello soffice, che diventa ancora più folto durante l’inverno. cane nudo crested dog gatto sphynx

Nel corso degli anni, però, quando i gatti sono diventati residenti fissi della poltrona accanto al caminetto e i cani si sono stabiliti sul letto del proprietario, la natura ha deciso di riorganizzarsi, riducendo lo spessore del pelo, che a quel punto non sarebbe più utile al calduccio delle case.

Questa premessa serve a far comprendere come in realtà i cani e i gatti “moderni” siano comunque attrezzati a tollerare le stagioni fredde, grazie al sottopelo che ancora funziona perfettamente, ma che possono esserci comunque delle situazioni particolari.

Infatti i cani e i gatti che vivono in casa stabilmente, come avrete potuto notare, hanno un pelo meno folto rispetto a quelli randagi o relegati a giardini e cortili. Semplicemente, ciò che non serve, viene eliminato dalla natura.

Al tempo stesso, però, soprattutto i cani hanno bisogno di uscire più volte nel corso della giornata anche quando fa freddo, a prescindere dalle condizioni climatiche. Ed è qui che spesso arrivano raffreddori e bronchiti, proprio a causa degli sbalzi di temperatura tra il calduccio del salotto di casa e l’esterno.

Ecco perché il cappottino può tornarci utile, soprattutto in alcuni casi:

  • Animali malati, convalescenti o delicati

  • Cani a pelo raso e corto

  • Cani che vivono in casa

  • Cuccioli

  • Animali anziani

  • Cani molto magri

  • Cani di taglia piccola

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, la taglia del cane può influire molto anche sulla temperatura. Può sembrare un controsenso, ma più piccolo è l’animale, maggiore sarà la sua superficie corporea rispetto ad un cane di taglia molto grande. Per cui quando fa più freddo, sarà maggiore anche la quantità di calore che viene allontanata attraverso la superficie. È un concetto piuttosto complicato da spiegare e da comprendere, ma va comunque preso in considerazione.

Quale indumento scegliere?

Il cappottino non sempre è inutile, per quanto lo sia la maggior parte degli orpelli che vi vengono applicati, anzi. L’importante, però, è scegliere in modo giusto quello più utile e più adatto al nostro cane. Ecco alcuni consigli:cane bassotto cappotto

  • Scegliamolo della taglia adeguata al nostro cane. Troppo stretto lo farà sentire impacciato nei movimenti e troppo largo potrebbe non proteggerlo in modo adeguato dal freddo;

  • Assicuriamoci che la pancia, il torace e la gola siano coperti, perché sono le parti più sensibili al freddo, quindi sì ai maglioncini a collo alto, che arrivano fino alla base della coda, lasciando naturalmente scoperte le parti “intime”;

  • Il materiale è un punto importante da valutare nella scelta. L’interno deve essere caldo, ma non irritante, quindi scegliamo panno, felpa, pile e altri materiali che non pungano, come la lana;

  • L’impermeabile è consigliatissimo per tutti i cani, a pelo raso, corto e anche lungo, perché aiutano a mantenere asciutto il mantello anche nelle giornate più umide (e non solo quando piove).

Il cappottino ideale, quindi, è sicuramente quello impermeabile all’esterno e caldo all’interno, facendo sempre attenzione a coprire le parti più sensibili.

Per quanto riguarda infine una piccola parentesi etica, non c’è nulla di male a far indossare dei capi carini e divertente ai nostri animali, ma ricordiamoci che non sono bambini, né bambolotti, per cui affidiamoci al nostro buonsenso.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.