L’alimentazione per i disturbi delle vie urinarie nel cane

I disturbi delle vie urinarie sono un problema tipico dei gatti, ma non è raro che si manifestino anche nel cane. In questo caso è molto importante riuscire a garantire al proprio animale la giusta alimentazione, che deve avere delle caratteristiche ben precise, per prevenire ed alleviare i sintomi tipici di questo problema.

Cosa sono i disturbi delle vie urinarie

I disturbi delle vie urinarie possono includere una serie di condizioni e patologie di tutto l’apparato urinario dell’animale. In particolare, possono colpire la vescica, i reni oppure i condotti che trasportano l’urina lungo tutto l’apparato, ovvero gli ureteri, che collegano i reni con la vescica, e l’uretra, che invece veicola l’urina all’esterno.cane ecografia vescica

Nel gatto è possibile riunire tutti questi disturbi in un’unica condizione, la FLUTD, Feline Lower Urinary Tract Disease. Questa include principalmente l’infiammazione della vescica, cioè la cistite, ed i calcoli urinari. Sono meno rare invece le infezioni di natura batterica, micotica o parassitaria.

Nel cane, al contrario, le cause principali dei disturbi delle vie urinarie sono proprio le infezioni. In particolare, gli agenti responsabili della maggior parte di queste infezioni sono i batteri normalmente presenti nell’intestino del cane, come l’Escherichia coli, Enterobacter ed Enterococcus.

In ogni caso, i batteri possono anche provenire direttamente dall’ambiente esterno, ad esempio quando il cane si siede su un terreno particolarmente contaminato dalle feci di altri animali, oppure da infezioni nel sangue, come la Leptospirosi.

I batteri non sono i soli responsabili delle infezioni delle vie urinarie. Anche alcuni funghi e lieviti, come Candida albicans, ed alcuni parassiti, tra cui Capillaria plica e Dioctophyma renale.

Un’altra condizione che può verificarsi nel cane è la formazione dei calcoli urinari, che possono essere principalmente di struvite o di ossalati, e meno frequentemente di urati o silicati.

Le cause dei disturbi delle vie urinarie

La comparsa dei disturbi delle vie urinarie nel cane può essere favorita da una serie di situazioni e disturbi, tra cui:

  • Lo sbocco esterno dell’uretra, situato nel pene del maschio e nella parte esterna della vagina nella femmina, viene a contatto con un suolo o delle feci contaminate;

  • L’animale beve ed urina poco, per cui viene meno l’azione dilavante delle urine nella vescica;

  • Nella femmina l’uretra è più corta rispetto al maschio, quindi i batteri possono risalire più rapidamente dall’esterno verso la vescica;

  • Sono presenti infezioni batteriche o micotiche nelle sedi circostanti, ad esempio nella prostata, nell’intestino e persino nel sangue;

  • Una dieta squilibrata rende le urine poco acide, stimolando la formazione di calcoli ed infezioni delle vie urinarie.

Una situazione particolare è quella del cane Dalmata. Questa razza canina, infatti, ha un aspetto in comune con l’uomo. Quando mangiamo della carne, le purine in essa contenuta vengono digerite fino ad ottenere l’acido urico. Nelle altre specie e nelle altre razze di cani, l’acido urico viene ulteriormente scomposto in allantoina, più semplice da rimuovere.

Nell’uomo e nel cane Dalmata, una dieta troppo carica di proteine può comportare l’accumulo dell’acido urico in eccesso nei reni e nelle articolazioni, causandone l’aggregazione in cristalli. È così che si formano i calcoli di urati.

L’alimentazione specifica per i disturbi delle vie urinarie

L’alimentazione ideale per i nostri cani deve garantire un equilibrio ottimale tra le sostanze presenti nel cibo. Il cane, rispetto al gatto, non è un carnivoro stretto, per cui può tollerare un certo quantitativo di cereali e fibre.

Se l’animale assume troppe calorie, ma fa poca attività fisica, tenderà ad ingrassare. Al tempo stesso, se l’alimento è troppo ricco di grassi, cereali e proteine di scarsa qualità, offrirà una dieta completamente sbilanciata, predisponendo l’animale a diversi problemi di salute.

Per questo motivo, la dieta quotidiana del cane deve offrire il giusto contenuto calorico, una limitata quantità di grassi, proteine di ottima qualità, e la giusta dose di cereali e fibre.

In particolare, in commercio sono disponibili degli alimenti specifici soprattutto per i calcoli delle vie urinarie.

Questo tipo di mangime offre diverse caratteristiche estremamente importanti, come:cane dalmata con ciotola

  • Ridotto contenuto di magnesio: il magnesio è la componente principale dei calcoli di struvite. Un eccesso di magnesio nella dieta, comporta l’accumulo di questo minerale nelle urine, dove si compattano in agglomerati duri e resistenti;

  • Acidificante: il pH è il fattore che viene preso in considerazione per indicare l’acidità di una sostanza. Al di sotto di un pH pari a 7 una sostanza si definisce acida, mentre al di sopra alcalina. I calcoli di struvite possono facilmente essere dissolti quando le urine diventano più acide. Un ottimo alimento specifico per questo problema, è in grado di abbassare il pH delle urine, che quindi diventano meno alcaline;

  • Poche proteine, ma di ottima qualità: le proteine che derivano da frattaglie e parti di scarto della carne non sono proprio indicate nella dieta degli animali. Per questo è importante offrire delle parti migliori, in quantità inferiori;

  • Stimola la diuresi: è stato dimostrato che aumentando il contenuto di sodio nel cibo, si stimola la produzione di urine.

Per quanto riguarda il cane Dalmata, l’alimentazione deve puntare a ridurre la formazione di acido urico, e di conseguenza dei calcoli di urati, attraverso:

  • Utilizzo di proteine alternative: uova, latticini e fonti proteiche vegetali sono povere di purine, quindi sono da preferire rispetto alle proteine “tradizionali” contenute in carne e pesce, che dovranno essere presenti in quantità inferiori;

  • Alcalinizzante: al contrario dei calcoli di struvite, i calcoli di urati si formano in presenza di urine acide. Per questo è importante che l’alimento contenga delle sostanze in grado di rendere le urine meno acide e più alcaline, come bicarbonato e citrato di potassio.

In conclusione, se il vostro cane ha avuto in passato dei problemi alle vie urinarie o se ne soffre ancora, dovrete integrare le terapie consigliate dal veterinario, ad una dieta specifica, per velocizzare la guarigione e ridurre il rischio di recidive.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.