In caso di incidente è obbligatorio soccorrere l'animale

Continua il lungo elenco di provvedimenti a favore dei nostri amici a quattro zampe, anche per quanto riguarda il comportamento da tenere in strada. Nel 2011, infatti, il Codice della Strada è stato aggiornato con un comma fondamentale, che obbliga chiunque provochi un incidente nei confronti di un cane o di un gatto, a prestare soccorso.

La normativa in questione è l’art. 189 in materia del “Comportamento in caso di incidente”, revisionato diverse volte nel corso degli anni. In particolare, la modifica più importante per quanto riguarda gli animali è stata apportata nel 2010 – pertanto diversi anni fa – con l’introduzione del comma 9-bis, che cita: “l’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti, ha l’obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subito il danno. Chiunque non ottempera agli obblighi di cui al periodo precedente è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 410 a euro 1.643.”.

Ma non è tutto. Il regolamento, infatti, include non solo il diretto responsabile dell’incidente, ma anche tutte le persone eventualmente coinvolte. Nello specifico, si parla delle “[…] persone coinvolte in un incidente con danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti devono porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di primo soccorso.”. Anche in questo caso, la pena prevista è una multa che può variare da 82 a 328 euro.gatto salvato soccorso

Tuttavia, resta invariato il provvedimento, incluso nel Codice della Strada, che vieta ai conducenti di automobili di fermarsi in autostrada per prestare soccorso agli animali investiti o abbandonati. Un gesto di questo tipo, infatti, potrebbe mettere a rischio la propria incolumità e quella degli altri conducenti. In questi casi possiamo contattare il 112 e segnalare alla Polizia Stradale l’emergenza, cercando di fornire un riferimento preciso del luogo dell’incidente o dell’avvistamento. Potrete trovare maggiori informazioni leggendo l’articolo specifico su cosa fare quando si trova un animale ferito o abbandonato.

Un’altra modifica, introdotta sempre negli ultimi anni, riguarda l’art. 177 comma 1 del Codice della Strada, il quale – proprio come accade per noi – le autoambulanze veterinarie, le guardie zoofile e i mezzi di soccorso per il recupero degli animali possono utilizzare tranquillamente sirene e lampeggianti per agevolare le operazioni.

Probabilmente, considerando soprattutto che parliamo di un decreto non proprio recente, non si è ancora fatto abbastanza per cercare di tutelare i numerosi cani e gatti che ogni giorno rimangono coinvolti in tragici incidenti, in particolare lungo le strade a maggiore velocità di scorrimento. Sebbene la Legge sia ormai dalla parte degli animali, il numero di persone che non rispettano le normative attualmente vigenti in loro favore è ancora molto elevato, come possiamo constatare quotidianamente con i nostri occhi.

In ogni caso, con il passare degli anni, sempre più regolamenti si stanno evolvendo in favore dei nostri amici a quattro zampe, sia per quanto riguarda i provvedimenti contro il maltrattamento e l’abbandono, sia per quanto riguarda – come in questo caso – l’obbligo di prestare soccorso in caso di incidente. A questo punto, quindi, non ci resta che aspettare di aggiungere ancora qualche altro tassello per poter parlare a tutti gli effetti di tutela degli animali.

Vota questo articolo
(0 Voti)

SocialDogCat usa la politica di cookie per migliorare la vostra esperienza. Ok ho capito

In omaggio per te un ebook: il manuale di pronto soccorso, che spiega cosa fare nelle situazioni di emergenza con gli animali domestici.