Botti di Capodanno, come proteggere i nostri animali In evidenza

Il periodo delle feste, con i suoi colori e sapori, ci riporta inevitabilmente con la mente alla nostra infanzia, rendendolo un momento unico, che aspettiamo con ansia per tutto l’anno. Ma la stessa cosa vale anche per i nostri animali?

Le feste di Natale e di Capodanno rappresentano un modo per stare tutti insieme, con la propria famiglia o con gli amici, assaporando ogni istante di quell’atmosfera che tanto piace a grandi e piccini. Le decorazioni, l’albero, il presepe e i piatti tipici sono solo alcuni degli aspetti che rendono le feste così belle.

Pcane con orecchie grandiurtroppo, per i nostri amici animali non sempre è così. Il Natale infatti porta con sé numerosi pericoli per cani e gatti, dagli addobbi che possono facilmente essere ingeriti, allo stravolgimento dei ritmi a cui sono normalmente abituati, fino ad arrivare ai fatidici botti di Capodanno.

Probabilmente sono davvero poche le persone che riconoscono ai botti una qualsiasi forma di utilità, ma è comunque un dato di fatto che sin dai primi giorni del mese di Dicembre, l’aria si riempie di questi suoni forti e spaventosi per i nostri animali.

Nonostante le innumerevoli proteste da parte degli animalisti, sono ancora molti i bambini, così come gli adulti, che si divertono a sollazzarsi con i botti, senza mettere in conto tutti i rischi ad essi legati, per noi, come per i nostri animali.

I cani e i gatti, infatti, non riescono a comprendere l’origine e la causa dei botti, per cui si spaventano moltissimo, fino a mostrare i sintomi di un vero e proprio trauma. Gli animali sono dotati di un udito molto più sviluppato del nostro, quindi possiamo solo immaginare quale possa essere il volume percepito dalle orecchie.

È così che ad ogni singolo sparo, può scatenarsi il panico nei nostri animali, che iniziano a tremare, a fuggire alla ricerca di un riparo, a lamentarsi e persino ad urinare o defecare involontariamente per la paura.

Se una situazione di questo tipo è già inaccettabile per i cani e i gatti che vivono in casa, figuriamoci per gli animali randagi, che durante la fuga possono perdere il controllo delle proprie reazioni, attaccando per sbaglio chi cerca di avvicinarli o finendo sotto una macchina.

Purtroppo non possiamo fare molto per evitare delle reazioni di panico da parte dei nostri amici a quattro zampe, ma sicuramente a noi spetta il compito di tranquillizzarli il più possibile, attraverso dei semplici consigli.

  • Facciamo finta di niente: se il nostro animale è agitato, evitiamo di accarezzarlo o parlargli con un tono di voce diverso dal solito. Allo stesso modo, non dobbiamo assolutamente comportarci in modo ansioso, cercandolo in giro per casa con fare concitato. In questo modo rafforzeremmo la sua percezione che c’è qualcosa che non va, aumentando le sue paure. Piuttosto, cerchiamo di mostrarci indifferenti nei confronti della situazione;cane e gatto si nascondono

  • Lasciamolo libero di cercarsi un riparo: evitiamo di trattenerlo accanto a noi contro la sua volontà. Lasciamolo invece libero di andare dove preferisce, alla ricerca di un riparo tranquillo e isolato. Di solito gli animali preferiscono i posti riparati, ad esempio sotto al tavolo o al letto;

  • Non prendiamolo in braccio: un animale terrorizzato perde il controllo delle sue reazioni, per cui persino il cane e il gatto più docili, potrebbero indirizzare la propria ansia verso di noi, mordendoci o graffiandoci;

  • Isoliamo il suono: cerchiamo di isolare il più possibile i suoni, chiudendo porte e finestre e tirando bene le tende;

  • Copriamo il rumore dei botti: la tv o la radio possono essere un’ottima soluzione per coprire il rumore dei botti. Accendiamoli a volume altissimo, possibilmente nella stanza in cui si trova l’animale;

  • Teniamoli dentro casa: in previsione della notte di San Silvestro, facciamo restare in casa cani e gatti normalmente abituati a vivere in giardino o sul balcone;

  • Non lasciamoli soli: i cani e i gatti non devono assolutamente essere lasciati soli, perché non riusciremmo ad intervenire per tranquillizzarli e potrebbero anche provocarsi delle ferite durante la fuga in giro per casa.

Ricordiamoci che a causa dei botti di Capodanno, molti animali si feriscono gravemente o perdono la vita. A prescindere dai provvedimenti che dovrebbero essere presi in considerazione dalla Legge, a noi proprietari spetta il compito di intervenire a difesa dei nostri animali. Questi semplici accorgimenti possono davvero fare la differenza.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Skinystat